I Colli Asolani

Alla scoperta della Natura dei
Colli Asolani

 

I Colli Asolani formano una catena di modeste elevazioni a nord della pianura trevigiana.
Parallelo e a nord della dorsale principale, formata dalle dodici alture situate tra Asolo e Cornuda, corre un sistema secondario di elevazioni più modeste.
A completamento di questo sistema orografico ricordiamo i Colli di Monfumo e Castelcucco.
La superficie di queste colline è ricoperta in gran parte da boschi di specie spontanee, intervallati a fiorenti piantagioni d' ulivi, filari di viti, rigogliosi frutteti o prati fioriti.
Le piante selvatiche più significative sono i castagni, i frassini, le farnie, gli aceri e i carpini neri.
Il sottobosco è caratterizzato da una notevole ricchezza di specie floristiche tipiche degli ambienti freschi, come la pervinca (Vinca minor), il bucaneve (Galathus nivalis), l'iperico (Hypericum perforatum), il ciclamino (Cyclamen purpurascens), l'elleboro (Helleborus niger).


Vinca minor
Galathus nivalis
Helleborus niger
Non mancano le orchidee, che sono presenti con numerosi esemplari di diverse specie, legate ai vari ambienti.
Ricca è anche la fauna con la presenza tra i mammiferi di scoiattoli, ghiri, caprioli, volpi, puzzole, faine e tassi.
Ultimamente si è riscontrato un forte aumento demografico del cinghiale.
Gli uccelli sono presenti con specie staziali come fringuelli, verdoni, picchi e ghiandaie; sia con specie migratorie come lo scricciolo, i tordi, la cesena e la peppola.
Considerevole la presenza di rapaci sia diurni che notturni, come l'astore, lo sparviero, la poiana, il gufo e l'allocco.
Tra i rettili annoveriamo il colubro, l'orbettino ed il biacco; tra gli anfibi abbondante la Salamandra pezzata (Salamandra salamandra).
Ophrys bertolonii subsp. benacensis
Orchis purpurea
Salamandra salamandra